mercoledì, 20 febbraio 2019

ugo gazzola arcobalenombra

UGO GAZZOLA in mostra presso la sede della Provincia di Treviso

Visitata da 50.000 persone la mostra-evento di poesia visiva e musicalità, StellaFarfalla nell'Arcobalenombra.

“ StellaFarfalla nell’ArcoBalenOmbra” è ideata da Sandra Sgambaro e realizzata grazie ad Aropac srl di Carmignano di Brenta,
Musiche di: Luis Lanzarini e Claudio Rocchetti. Voci: Paola Dallan, Federica Mazzocco, Marco Menegoni
Opere di: Ugo Gazzola, Alcide Sartori, Federica Sgambaro, Sandra Sgambaro, Gigi Simonetto,
Video creazione di: Alberto Arsie. Luci: Simone Derai

50.000 visitatorei a stella farfalla
IL SOGGETTO RIGUARDA LO STUDIO ALCHEMICO DELL'ISOLA DI GOZO.
“Il grande segreto che custodisce l’enorme Strumento Cosmico è quello che contiene la vera arte in tutte le essenze e le sue espressioni. Il Tempo e lo Spazio, le Forme e la Trasparenza, i Colori della Luce e l’Ombra dell’aria, i Pensieri Pesanti e i Pensieri Leggeri. L’ArcoBalenOmbra è una essenza che prende forma e diventa la Stellina trasparente, la STELLA FARFALLA”.

UGO GAZZOLA
Impossibile collocare Ugo Gazzola nello spazio e nel tempo. Fisicamente vive e lavora a Castello di Godego. Qui ha realizzato un laboratorio - scuola di restauro recuperando e facendo rivivere il Barco Mocenigo. Lo spazio per Ugo Gazzola non esiste, è una dimensione data dalla quinta essenza, dalla luce. La luce determina l'alto e il basso, il dentro e fuori, è una forza che trasporta in ogni luogo. Forse seguendo o preso da questa energia l'homo faber riesce a operare in ogni luogo. Come artista, realizza opere ed eventi collocati nell'ambiente esterno usando materiali, forze e energie della natura. Nello studio capta e raccoglie la luce trasformandola in opere bi-tridimensionali. Se la luce è il filo conduttore dell'artista i colori sono i suoi risultati.(canne-uomo con nastri-pensieri al vento), (policarbonato alveolare con terre colorate che si elettrizzano allo sfiorare della mano). Il tempo, difficile da catturare e da conservare, rappresentato dal vento che muove i nastri delle sue canne, dimostrando che non esiste un attimo uguale al precedente quindi l'irripetibilità delle cose. Come restauratore opera in spazi diversi, interni -esterni di ville, castelli, chiese antiche e moderne sia in Italia che all'estero. Nel restaurare si colloca in un arco di tempo enorme dall'arcaico all'era dell'informatica. Restaurando, si immedesima con l'artista autore dell'opera antica, capta le energie, le forze ed i segreti del tempo. Attraverso il restauro assimila metodologie e segreti di bottega che comunica agli allievi durante i corsi di restauro programmati in Barco Mocenigo.

Calendario Attività Culturali:

LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728   

Scheda di adesione ai Corsi in Barco Mocenigo:

Compila il Modulo Richiesta Informazioni per esaudire le tue curiosità o per fare le tue proposte.